La Permanente
Milano
via Turati, 34
02 6551445 FAX 02 6590840
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Dossier: Piero Manzoni
dal 6/12/2000 al 31/12/2000
02 6551445 FAX 02 6590840
EMAIL
Segnalato da

Chiara Cattaneo



approfondimenti

Piero Manzoni



 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




6/12/2000

Dossier: Piero Manzoni

La Permanente, Milano

Le Civiche Raccolte d'Arte del Comune di Milano e la Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente organizzano nelle sale del Palazzo della Permanente, dov'è temporaneamente allestito il Museo del Novecento, un ciclo di mostre dal titolo Dossier. Il ciclo comprende otto mostre dedicate ciascuna a un'opera delle Civiche Raccolte di particolare importanza per la comprensione di momenti fondamentali del Novecento artistico italiano.


comunicato stampa

Le Civiche Raccolte d'Arte del Comune di Milano e la Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente organizzano nelle sale del Palazzo della Permanente, dov'è temporaneamente allestito il Museo del Novecento, un ciclo di mostre dal titolo Dossier. L'iniziativa si svolge, con cadenza mensile, dal maggio al dicembre 2000, nell'ambito del programma "Capire il '900 per vivere il 2000".

Il ciclo comprende otto mostre dedicate ciascuna a un'opera delle Civiche Raccolte di particolare importanza per la comprensione di momenti fondamentali del Novecento artistico italiano. Le opere scelte sono: Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo; Elasticità di Boccioni; Eldorado di Birolli; Estate di Carrà; Venere dei porti di Sironi; Scultura 17 di Melotti; Concetto spaziale, 1957 di Fontana; Impronta di Manzoni (6 dicembre-31 dicembre).

Ogni mostra costruisce, intorno al "capolavoro", percorsi di lettura che guidino lo spettatore a una puntuale messa a fuoco del significato e del valore dell'opera di volta in volta proposta. Ciò attraverso confronti con altre opere, dipinti e disegni, dello stesso artista o di altri, documenti iconografici e testi critici e letterari utili all'approfondimento dei diversi livelli possibili d'interpretazione.

Il ciclo è curato da Antonello Negri, con la collaborazione di Silvia Bignami, Maria Fratelli, Paolo Rusconi e Giorgio Zanchetti. I cataloghi sono editi da Skira.

Piero Manzoni
CONSUMAZIONE DELL'ARTE
DINAMICA DEL PUBBLICO
DIVORARE L'ARTE

Il 21 luglio del 1960 Piero Manzoni, nel corso dell'evento CONSUMAZIONE DELL'ARTE DINAMICA DEL PUBBLICO DIVORARE L'ARTE, "consacrava all'arte", con l'impronta del proprio pollice, centocinquanta uova sode, dandole poi in pasto al pubblico intervenuto. L'opera entra nel più diretto rapporto con lo spettatore, diventando materialmente cibo, ingerito, digerito e metabolizzato.

L'Uovo con impronta delle Civiche Raccolte d'Arte (Collezione Boschi-Di Stefano) appartiene a una serie di esemplari numerati e firmati realizzati da Manzoni in quell'occasione; tenuto nella "bambagia" e conservato in un apposito contenitore di legno l'Uovo è sottratto all'immediata distruzione, diventando a un tempo opera autonoma e documento di un'azione. Manzoni s'interroga evidentemente sul ruolo dell'oggetto come tramite di una vera e propria comunione tra autore e pubblico: la sua consumazione sacrificale o la sua feticistica conservazione come testimonianza sono gli aspetti complementari di un radicale sovvertimento del linguaggio artistico tradizionale.

Oltre alla documentazione di questo intervento, sono esposte altre opere di Manzoni in cui ritornano il richiamo alla forma cellulare dell'uovo, oppure all'impronta digitale, utilizzata quale sigillo di immediata riconoscibilità della presenza fisica dell'artista. Nella serie delle Tavole di accertamento l'impronta è affiancata, con un atteggiamento propriamente analitico e concettuale, alla mappa, all'alfabeto e alla linea. Accanto alle Tavole edite da Scheiwiller nel 1962, sono qui esposti i progetti parallelamente realizzati da Manzoni per la rivista "Gorgona" di Zagabria.

Intorno al lavoro di Manzoni il dossier raccoglie, in un possibile percorso dell'uovo e dell'impronta, legato a Milano e all'ambiente di Brera, disegni e sculture di Adolfo Wildt (Ritratto di Arturo Ferrarin, 1928-29), Eros Pellini (Uovo, 1930), Fausto Melotti (Costante Uomo, 1936), Lucio Fontana (Concetti spaziali, 1958-60), Remo Bianco (Impronte, 1956) e Luciano Fabro (10,1978).

Dossier
Piero Manzoni, Consumazione dell'arte dinamica del pubblico divorare l'arte, 1960
Mostra a cura di Giorgio Zanchetti
Conferenza di inaugurazione "L'uovo di Piero" tenuta da Antonello Negri
Catalogo Skira

Inaugurazione mercoledi 6 dicembre 2000, ore 18
Museo della Permanente, via Turati 34 Milano
Orari 10-13/14.30-18.30, giovedì sino alle 22; sabato e festivi 10-18.30. Lunedì chiuso

  Share
IN ARCHIVIO [117]
Omaggio a Piero Ruggeri
dal 11/11/2014 al 30/11/2014

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede