Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci
Prato
viale della Repubblica, 277
0574 5317 FAX 0574 531900
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Due mostre
dal 24/10/2009 al 14/2/2010
tutti i giorni ore 10-19; chiuso il martedi

Segnalato da

Studio Pesci




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




24/10/2009

Due mostre

Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato

A view on Brazilian contemporary art. La mostra indaga una dimensione peculiare della scena creativa brasiliana attraverso le opere di 27 artisti. Il percorso espositivo trae spunto dalla metafora e dalla realizzazione di una delle piu' grandi utopie mai concepite: la citta' di Brasilia. Un progetto a cura di Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria. La mostra 'Il giro dell'occhio' presenta una selezione delle fotografie di Piergiorgio Branzi scattate dagli anni '50 fino a oggi. A cura di Alessandra Mauro.


comunicato stampa

After Utopia - A view on Brazilian contemporary art
a cura di Atto Belloli Ardessi con Ginevra Bria

La mostra indaga una dimensione peculiare della scena creativa brasiliana, selezionando opere di ventisette artisti che rendono l'arte un terreno di scambio. Una sospensione di tempo e spazio dove l'unica chiave d'accesso è la nostra modalità di interrelazione con essa.

Il percorso espositivo analizza l'arte brasiliana come se fosse un riflesso della propria identità d'origine, un effetto che ha superato qualsiasi stereotipo stabilito e poi conferito dalla cultura europea. La mostra trae spunto dalla metafora e dalla realizzazione di una delle più grandi utopie mai concepite: la città di Brasilia. Un posto senza luogo che ha visto l'idea di una élite diventare un centro di potere reale. Brasilia è stata concepita come il punto di contatto tra il Brasile Arcaico e quello Moderno, che però restano ad oggi
ancora sconosciuti e incompresi. Ma Brasilia in quanto tale non sarà oggetto della mostra. Lo sviluppo della sua utopia, attraverso l'ultimo progetto firmato da Oscar Niemeyer, diventerà un modo per comprendere come l'arte contemporanea brasiliana rappresenta lo spazio. Facendolo diventare un simbolo del futuro pianificato e superato, un luogo che trasforma il tempo.

Da Helio Oiticica a Waltercio Caldas, da Cildo Meireles ad Ernesto Neto, da Laura Vinci ad Andrè Komatsu gli artisti selezionati ripropongono un'utopia brasiliana non così com'è stata concepita, ma in uno stato di superamento e di uscita da essa. In questo luogo l'arte sarà un'utopia risolta, pronta a tornare il progetto di una città apparente, un luogo irrealizzabile che si solidifica su un supporto, attraverso principi universali. Quel che rimane dopo l'utopia è dunque il luogo dell'assenza, di ciò che è per sottrazione, perché il raggiungimento di un'idea oggi non presuppone più attesa, speranza e perfezione. L'arte contemporanea brasiliana sviluppa oggi una differente utopia non più come progetto di autori, ma come processo estetico che combatte per la sua affermazione, per la sua liberazione, la sua rappresentazione terrena e la costruzione di una nuova società di giustizia e di un'uguaglianza di idee. Quella stessa società che non verrà più trasformata dal progetto di un autore, ma solo da un largo movimento interiore.

L'utopia dopo se stessa, al di là delle proprie convinzioni, deve rimanere un fattore della storia, un moto creativo-eversivo che intacca la storia stessa e i suoi meccanismi; mentre l'ideologia che l'accompagna si trasforma in dispositivo di conservazione.
Oggi il Brasile posto di fronte al modello massificante americano ha esaltato la ricchezza della propria diversità. Differenze ambientali, sociali e politiche contenute proprio all'interno dei suoi stessi confini. After Utopia, in questo processo, rappresenta un'unità di tempo e di spazio utili a far comprendere come la rappresentazione, sulla scena dell'arte brasiliana, si stia liberando dalle alienazioni e dalle contraddizioni che dividono e intaccano la sua libertà nativa.

Artisti selezionati:
Brígida Baltar (Rio de Janeiro 1959)
Cadu (São Paulo 1977)
Waltercio Caldas (Rio de Janeiro 1946)
Marcos Chaves (Rio de Janeiro 1961)
Marcelo Cidade (São Paulo 1979)
Eduardo Coimbra (Rio de Janeiro 1955)
Leandro da Costa (São Paulo 1973)
Antonio Dias (Paràiba 1944)
Fernando A. ( São Paulo 1976)
Andrè Komatsu (São Paulo, 1978)
Guto Lacaz (São Paulo 1948)
Marcellvs L. (Belo Horizonte 1980)
Marepe (Santo Antonio de Hesùs 1970)
Cildo Meireles (Rio de Janeiro 1948)
Vik Muniz (São Paulo 1961)
Ernesto Neto (Rio de Janeiro 1964)
Rivane Neuenschwander (Belo Horizonte 1967)
Oscar Niemeyer (Laranjeiras 1907)
Hélio Oiticica (Rio de Janeiro 1937-1980)
Matheus Rocha Pitta (Tiradentes 1980)
Thiago Rocha Pitta (Tiradentes 1980)
Daniel Senise (Rio de Janeiro 1955)
Eduardo Srur (São Paulo 1974)
Ana Maria Tavares (Belo Horizonte 1958)
Janaina Tschäpe (Munich - Brazil 1973)
Mary Vieira (Belo Horizonte 1927- Basel 2001)
Laura Vinci (São Paulo 1962)

24 ottobre 2009 - 14 febbraio 2010

..............................................

Piergiorgio Branzi. Giro dell'occhio
a cura di Alessandra Mauro

Intenso è il legame che unisce Piergiorgio Branzi alla fotografia. Una passione nata quando, nel 1953, vede a Firenze una mostra di Henri Cartier-Bresson. Quelle foto per prime gli rivelano una possibilità di espressione, una modalità di racconto della realtà che non è bozzetto, cronaca, ma gioco di forme sapienti, creazione audace e raffinata di bianchi e neri sulla superficie ai sali d’argento.

In questi anni Piergiorgio Branzi ha lungamente, anche se a intervalli, frequentato la fotografia e coltivato con costanza la sua passione. Lo ha fatto viaggiando per il mondo, muovendosi da flâneur avvertito nella sua città e nel suo paese, poi anche in Spagna, in Russia, in Francia, e rinnovando sempre il patrimonio di forme e di immagini da cogliere e da creare con quell’eleganza che lo ha reso celebre.

La mostra Il giro dell’occhio presenta una selezione delle sue fotografie scattate dagli anni Cinquanta fino a oggi. Nuove realizzazioni, inaspettate per temi e stili, si alternano alle immagini celebri, stampate però con rinnovata cura, e testimoniano una coerenza stilistica, un linguaggio unico che ha saputo coniugare sempre l’attenzione formale, il ripensare continuamente una tradizione iconografica di ascendenze classiche, con nuovi stimoli e nuovi stupori della visione.

Piergiorgio Branzi. Fiorentino, comincia a fotografare nei primi anni Cinquanta ottenendo immediata notorietà in Italia e all’estero. Negli anni sessanta passa al giornalismo. La sua attività professionale lo porta a vivere alcuni anni a Mosca, quale primo corrispondente televisivo occidentale nell’Unione Sovietica,e e poi a Parigi. Commentatore al Telegiornale e inviato speciale, realizza per la Radiotelevisione italiana inchieste e documentari.

Varie sono le mostre, personali e collettive, che gallerie private e istituzioni pubbliche gli hanno dedicato. Le sue opere sono presenti nelle collezioni di musei come il MOMA di San Francisco, il Guggenheim di New York, la Bibliothèque Natonale di Parigi, il Fine Art Museum di Huston, l’Estorich Collection of Modern Art di Londra e, in Italia, la collezione dell’Istituto Superiore di Storia della Fotografia e l’Archivio Alinari

24 ottobre 2009 -10 gennaio 2010
Sale Biblioteca

Informazioni Silvia Bacci
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
Tel. + 39 0574531828; s.bacci@provincia.prato.it

Ufficio Stampa Studio Pesci
Via San Vitale 27, 40125 Bologna
Tel. + 39 051 269267; fax + 39 051 2960748
info@studiopesci.it

Immagine: Carlo Chavez

Inaugurazione giovedì 24 ottobre, ore 18

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
Viale della Repubblica 277 Prato
Orari apertura mostra
tutti i giorni ore 10.00 -19.00; chiuso il martedì
Ingresso intero 5 €, ridotto 4€

  Share
IN ARCHIVIO [151]
Cambiamenti
dal 18/12/2014 al 18/12/2014

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede