MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna
Bologna
via Don Minzoni, 14
051 6496611 FAX 051 6496600
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
La collezione permanente
dal 15/3/2008 al 29/6/2008
martedi' - domenica 10-18, giovedi' 10-22, lunedi' chiuso. Aperture straordinarie: 23 - 24 marzo e 25 aprile 10-18, 1 maggio chiuso

Segnalato da

Lara Facco




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




15/3/2008

La collezione permanente

MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, Bologna

Riallestimento di opere provenienti dalla collezione della ex-GAM, apertura di nuovi spazi, ma soprattutto esposizione delle recenti acquisizioni. SpazioGAM presenta lavori soprattutto emiliano-romagnoli che vanno dall'800 ai giorni nostri. SpazioGAM.intro e' una selezione di opere pittoriche, fotografiche e video dagli anni '50 alla fine degli anni '90 raggruppate in una suggestiva quadreria. Focus on Contemporary Italian Art e' invece il rapporto "aperto" tra i lavori di 23 dei piu' interessanti artisti di oggi, un ambiente in cui trovano espressione poetiche e pratiche artistiche ibride. Direzione scientifica di Gianfranco Maraniello.


comunicato stampa

direzione scientifica di Gianfranco Maraniello

L’apertura di uno spazio permanente dedicato alla collezione permette a MAMbo di completare il cammino di raggiungimento degli obiettivi posti in seno alla sua nascita.
A dieci mesi dalla sua apertura, il museo presenta un nuovo e articolato progetto espositivo, sotto la direzione scientifica di Gianfranco Maraniello, che prevede il riallestimento di una ricca selezione di opere provenienti dalla collezione della ex-GAM, l’apertura di nuovi spazi dedicati alle attività collaterali ma soprattutto l’esposizione delle recenti acquisizioni dell’istituzione, frutto della partnership con UniCredit e del sostegno della Regione Emilia Romagna.
A partire dal 16 marzo 2008 MAMbo adibisce le sale espositive del piano terra a luogo dedicato alle collezioni, concludendo il processo di trasformazione iniziato con il trasferimento del museo nella nuova sede dell’Ex Forno del Pane e consolidando quella vocazione verso le pratiche artistiche e culturali del contemporaneo che già caratterizzava l’attività della Galleria d’Arte Moderna. La naturale inclinazione dell’Istituzione alla cultura visiva e alla sperimentazione pone quindi come fine primario quello di fare del museo un testimone attento e scrupoloso del proprio tempo. Da qui l’idea di presentare la collezione, cuore del patrimonio e dell’attività del MAMbo, suddividendola in due aree principali, SpazioGAM e Focus on Contemporary Italian Art, concepite con l’intento di creare un percorso in grado di far comprendere al visitatore l’evoluzione storica, artistica e metodologica che ha caratterizzato l’operato della Galleria d’Arte Moderna in passato e che traccia le linee guida del lavoro di MAMbo oggi.
Come accade per tutte le collezioni dei musei bolognesi, anche alla collezione del MAMbo l’ingresso sarà gratuito, secondo una politica culturale che mira a sviluppare nei cittadini un legame con il patrimonio artistico, creando un’importante e produttiva familiarità con i luoghi della cultura e della ricerca.


SpazioGAM

Lo SpazioGAM intende diventare un luogo di rivisitazione delle collezioni del Museo, di interazione con la città, di approfondimenti sul panorama artistico del territorio. Dalla GAM il museo eredita un consistente patrimonio di opere, soprattutto emiliano-romagnole, che vanno dall’Ottocento ai giorni nostri e che sono state raccolte in modo frammentario e ramificato, rispecchiando l’iter culturale della Galleria d’Arte Moderna nel corso dei decenni della sua attività.

Grazie a questo nuovo lavoro sull’esposizione della propria collezione permanente, MAMbo coglie l’occasione per una rilettura critica delle collezioni contemporanee ereditate, valorizzandole e riscoprendole attraverso mostre a rotazione, specifici progetti espositivi, restauri, acquisizioni di opere e documenti, incontri, pubblicazioni e dibattiti capaci di inquadrare la storia della GAM in una cornice multidisciplinare che faccia comprendere le ragioni culturali e il contesto sociale entro cui si sono susseguite le vicende dell’arte contemporanea a Bologna. SpazioGAM è quindi la denominazione scelta per definire questa pratica poliedrica di lavoro che, partendo dalle proprie radici culturali, cercherà di interpretare le collezioni storiche come costante occasione di verifica metodologica. Un’area polivalente concepita, quindi, come zona di raccordo con la storia della Galleria d’Arte Moderna di Bologna dalla quale il MAMbo ha avuto origine. Il confronto tra passato e presente dell’entità museale è ponte diretto verso il futuro, nonché efficace strumento di indagine delle strategie e delle pratiche espositivo-museali contemporanee.
Tale progetto viene annunciato da SpazioGAM.intro: una selezione di opere pittoriche, fotografiche e video dagli anni ’50 alla fine degli anni ’90 raggruppate in una suggestiva quadreria che accoglie il visitatore al suo ingresso e lo obbliga ad attraversare fisicamente uno spazio che metaforicamente rappresenta le radici del museo e la sua memoria storica; SpazioGAM.topics è invece un’area polivalente dedicata ad incontri e mostre temporanee, destinata ad accogliere una specifica programmazione e concepita come zona di raccordo tra la storia della GAM e il futuro del MAMbo; infine, SpazioGAM.open library è il luogo dell’approfondimento: uno spazio aperto dove si possono trovare cataloghi, saggi e riviste da consultare liberamente e dove i visitatori sono invitati a contribuire, con spirito analogo al bookcrossing, alla costituzione di una biblioteca complementare a quella del museo donando libri o documenti come autonome visioni e testimonianze del valore del contemporaneo.

In esposizione opere di: Claudio Abate, Marina Abramovic, Carla Accardi, Getulio Alviani, Franco Angeli, Ugo Attardi, Donald Baechler, Luciano Bartolini, Gianfranco Baruchello, Davide Benati, Vasco Bendini, Alighiero Boetti, Ennio Borlotti, James Brown, Alberto Burri, Enrico Castellani, Maurizio Cattelan, Giuseppe Chiari, Pier Achille Cuniberti, Dadamaino, Luciano De Vita, Bruno Di Bello, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Lucio Fontana, Pinot Gallizio, Pietro Gilardi, Gruppo N, Virgilio Guidi, Emilio Isgrò, Marcello Jori, Sergio Lombardo, Pompilio Mandelli, Roberto Sebastian Matta, Fausto Melotti, Nino Migliori, Mattia Moreni, Zoran Music, Mario Nanni, Luigi Ontani, Tancredi Parmeggiani, Achille Perilli, Concetto Pozzati, Sergio Romiti, Ilario Rossi, Mimmo Rotella, Lucio Saffaro, Julião Sarmento, Germano Sartelli, Mario Schifano, Antoni Tàpies, Giulio Turcato, Giuseppe Uncini, Sergio Vacchi, Christopher Williams, Kenji Yanobe, Giuseppe Zigaina.


Focus on Contemporary Italian Art

Pur disponendo di opere di artisti internazionali, MAMbo ha deciso in quest’occasione di focalizzare l’attenzione sulla più recente scena italiana. Per la prima volta un'istituzione museale si pone in modo esplicito quella che è una vera e propria questione generazionale, dimostrandosi non solo sensibile al tema più generale della ricerca in Italia, ma sottolineando come sia dovere di un museo d’arte contemporanea fare il punto sulla produzione artistica del suo Paese.
MAMbo ospita tale progetto nella grande sala dei forni: spazio che più di ogni altro sembra evocare l’idea di laboratorio, di fabbrica creativa in grado non solo di contenere ma anche di confrontarsi con opere e forme espressive differenti tra loro. Evitando percorsi cronologici o forzati raggruppamenti tematici, è il rapporto “aperto” tra i lavori di alcuni dei più interessanti artisti di oggi a creare un ambiente vivo, in cui trovano espressione poetiche e pratiche artistiche ibride in continuo confronto con l’architettura e il design. Uno spazio dove si intraprendono la sperimentazione di nuovi media e il ripensamento delle tecniche tradizionali, si concepiscono opere che sono veri e propri dispositivi in cui ospitare film, concerti o performance di altri protagonisti della cultura magari provenienti da diversi versanti disciplinari.
Per la realizzazione di questo ambizioso progetto MAMbo si avvale della prestigiosa partnership avviata con UniCredit Group nel 2007 e tesa non solo all’acquisizione, ma alla produzione di opere da proporre in occasione di importanti eventi artistici così da sostenere e favorire sempre più la presenza di artisti italiani nei maggiori circuiti espositivi con la qualità dei loro progetti. L’impegno per il futuro consiste quindi nel consolidare questa importante partnership, in cui la progettualità imprenditoriale affianca il lavoro del museo, garantendo un alto livello di qualità delle sue proposte e un costante sviluppo e approfondimento della propria ricerca.

Artisti: Stefano Arienti, Sergia Avveduti, Massimo Bartolini, Vanessa Beecroft, Carlo Benvenuto, Simone Berti, Davide Bertocchi, Monica Bonvicini, Pierpaolo Campanini, Loris Cecchini, Lara Favaretto, Giuseppe Gabellone, Luisa Lambri, Eva Marisaldi, Davide Minuti, Luca Pancrazzi, Paola Pivi, Riccardo Previdi, Elisa Sighicelli, Alessandra Tesi, Patrick Tuttofuoco, Nico Vascellari, Francesco Vezzoli.

Immagine: Collezione. Focus on Contemporary Italian Art
Veduta di Allestimento al / Installation view at MAMbo, Museo d’arte Moderna di Bologna, 2008

Focus on Contemporary Italian Art: in partnership con UniCredit Group

MAMbo è sostenuto da: Regione Emilia-Romagna
Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna
Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

Comunicazione: Lara Facco
Comunicazione e sviluppo marketing MAMbo tel. +39 051 6496654 – lara.facco@comune.bologna.it

Inaugurazione 15 marzo 2008 h. 17.00

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
via Don Minzoni 14 – Bologna
Orari di apertura:
martedì – domenica 10 - 18
giovedì 10 - 22
lunedì chiuso
INGRESSO GRATUITO ALLE COLLEZIONI

Visite guidate: prenotazione obbligatoria per scolaresche e gruppi
tel. +39 051 6496626 – 628 mamboedu@comune.bologna.it
gruppi (max 30 persone): 80 euro
visite in lingua: 100 euro
scuole: 50 euro
radioguide (per gruppo): 20 euro

Laboratori per le scuole: Laboratori per scuole elementari e medie: 100 euro
tel. +39 051 6496626 – 628 mamboedu@comune.bologna.it

Domeniche al MAMbo: Un appuntamento dedicato all’arte per bambini e genitori
5 euro a persona
Per informazioni e prenotazione (obbligatoria): tel. +39 051 6496626 – 628 mamboedu@comune.bologna.it

aperture straordinarie

domenica 23 marzo dalle 10.00 alle 18.00
lunedi 24 Marzo dalle 10.00 alle 18.00
venerdì 25 Aprile dalle 10 alle 18.00
giovedì 1 maggio chiuso

Il Museo per la Memoria di Ustica sarà aperto anche lunedì 24 marzo
dalle 10 alle 18.

  Share
IN ARCHIVIO [270]
Percorsi di arte e diritto
dal 30/10/2014 al 30/10/2014
IN CORSO
Wolfgang Weileder
dal 2/10/2014 al 8/12/2014

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede