Tre sedi
La Spezia
LINEA DIRETTA
Viaggio nella Parola
dal 16/2/2007 al 11/3/2007
0187 733000
EMAIL
Segnalato da

Mario Commone




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




16/2/2007

Viaggio nella Parola

Tre sedi, La Spezia

La mostra vede la partecipazione dei piu' noti poeti visivi italiani e stranieri e di altri artisti che nella loro ricerca hanno preso in considerazione la parola quale elemento determinante il loro linguaggio e la loro poetica. L'attenzione e' rivolta non solo alla "poesia visiva", ma al segno grafico della scrittura come segno primigenio, cosi' da far divenire la sola "parola" principale contenuto e forma estetica allo stesso tempo.


comunicato stampa

Collettiva

La Parola è di per sé monumentale ma aspetta ancora un monumento degno della sua grandezza.
Quante Parole abbiamo detto e scritto sulla Parola? Eppure anche se le abbiamo tutte dette e scritte, altre ancora ne dovremo con grande sforzo dire e scrivere, anche perché non siamo più fatti tali che la Parola, come un tempo, ci venga graziosamente a visitare. Eccoci dunque qui a evocare questa Parola, anche per definirla, come sempre, rabbiosamente in ritardo e fuori campo. C’è molto di ansioso nella Parola che cerchiamo, su queste Parole che la cercano, le Parole che forse ci resta da dire e scrivere, che forse non si realizzeranno, e ancora una volta rimarrà solo un sogno, un’idea, un progetto, quello di un monumento alla Parola.

Progetto di monumento alla Parola

di Lamberto Pignotti (dal catalogo)

La mostra Viaggio nella parola /Journey into the Word, organizzata alla Spezia dal Circolo Culturale /Galleria “Il Gabbiano” – Arte Contemporanea, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia / Fondazione Eventi s.r.l. Unipersonale, vede la partecipazione dei più noti poeti visivi italiani e stranieri e di altri artisti che nella loro ricerca hanno preso in considerazione la parola quale elemento determinante il loro linguaggio e la loro poetica. Gli organizzatori infatti non hanno inteso promuovere una mostra di sola “poesia visiva”, ma concentrare l’attenzione sul segno grafico della scrittura come segno primigenio, puro ed essenziale, così da far divenire la sola “parola”, il più delle volte senza l’ausilio di altri sostegni figurativi, principale contenuto e forma estetica allo stesso tempo. L’esposizione è articolata in tre sezioni distinte e prevede inoltre un omaggio all’artista italiano Alighiero Boetti (Torino 1940-Roma 1994), che si è particolarmente contraddistinto per l’uso della parola nella sua complessa ricerca artistica concettuale.

Le due sezioni documentarie, suddivise cronologicamente in:

Poesia figurata. Dai poeti alessandrini a Mallarmé – una documentazione di esempi del mondo greco, latino, medievale, fino al secolo XIX, di figurazione verbale – (allestita presso il Liceo Classico Statale “L. Costa” della Spezia).
Sono presenti: Simia di Rodi (IV a.C.), Teocrito (c. 310–c. 250 a.C.), Dosiada di Creta (c. 200 a.C.), Porfirio Optaziano (IV sec. d.C.), Venanzio Fortunato (VI sec d.C.), Josephus Scottus (VIII sec.), Alcuino (VIII sec.), Rabano Mauro (c. 784–856), Eugenio Vulgare (sec. X), François Rabelais (1494–1553), Giovanbattista Marino (1569–1625), Robert Angot (1581–post 1634), Johann Praetorius (1672), Pascasio di San Giovanni (1674), Simon Polockij (seconda metà sec. XVII), Ermanno di Santa Barbara (1687), Lewis Carrol (1832–1898), Stéphane Mallarmé (1842–1898).

Avanguardie del Novecento. Da Mallarmé alla Poesia Concreta – una documentazione di esempi delle Avanguardie Storiche, che hanno continuato e accentuato la ricerca artistica verbo-visiva (allestita presso la Galleria “Il Gabbiano” – Arte Contemporanea, La Spezia). Sono presenti: Stéphane Mallarmé (1897), Christian Morgenstern (1906), Corrado Govoni (1915), Guillaume Apollinaire (1916), Filippo Tommaso Marinetti (1919), Theo Van Doesburg e Kurt Schwitters (1922), Man Ray (1924), El Lisickij (1927), Eugen Gomringer (1954), Decio Pignatari (1957), Rolando Azeredo (1957), Haroldo De Campos (1958), Gerhard Rühm (1958), Carlfriedrich Claus (1962), Franz Mon (1963), Jan Hamilton Finlay (1964), Adriano Spatola (1966), Emmett Williams (1969), Seiichi Niikuni (1979).

Infine la terza sezione (allestita presso la Fondazione Cassa di Risparmio, della Spezia), ad invito, divisa in: Viaggio nella parola. Artisti contemporanei italiani, presenti più di cinquanta artisti italiani e Viaggio nella parola. Artisti contemporanei stranieri, presenti più di trenta artisti stranieri. Ottantacinque esponenti della Poesia Visiva, Poesia Concreta, Fluxus, Concettuale. All’interno di quest’ultima sezione è stato inserito l’omaggio ad Alighiero Boetti, con opere provenienti da collezione privata.

Gli artisti italiani presenti sono:

Vincenzo Accame, Paolo Albani, Fernando Andolcetti, Nanni Balestrini, Paolo Barrile, Alessandro Benfenati, Mirella Bentivoglio, Tomaso Binga, Irma Blank, Sergio Borrini, Carlo Canè, Emma Caprini, Ugo Carrega, Luciano Caruso, Bruno Cassaglia, Sergio Cena, Giuseppe Chiari, Cosimo Cimino, Mario Commone, Mario Diacono, Chiara Diamantini, Marcello Diotallevi, Gio Ferri, Giovanni Fontana, Delio Gennai, Elisabetta Gut, Emilio Isgrò, Ketty La Rocca, Arrigo Lora-Totino, Ruggero Maggi, Mauro Manfredi, Lucia Marcucci, Stelio Maria Martini, Plinio Mesciulam, Eugenio Miccini, Nadia Nava, Anna Oberto, Martino Oberto (OM), Luciano Ori, Giulio Paolini, Luca Maria Patella, Giancarlo Pavanello, Giuseppe Pellegrino, Michele Perfetti, Lamberto Pignotti, Gian Paolo Roffi, Giovanna Sandri, Sarenco, Berty Skuber, Luigi Tola, Emilio Villa, Rodolfo Vitone, William Xerra.

Gli artisti stranieri presenti sono:

Fernando Aguiar (Portogallo), Eric Andersen (Danimarca), Alain Arias Misson (Francia), Maryse Aspart (Francia), Julien Blaine (Francia), Jean-François Bory (Francia), Dmitry Bulatov (Russia), Antonio Cares (Cile), Henri Chopin (Francia), Philip Corner (USA), Hanne Darboven (Germania), Augusto De Campos (Brasile), E. M. De Melo e Castro (Portogallo), Jean Dupuy (Francia), Ken Friedman (USA), John Furnival (Inghilterra), Heinz Gappmayr (Austria), Tanabu Hiroschi (Giappone), Alison Knowles (USA), Jiřì Kolář (R. Ceca), Jackson Mc Low (USA), Henning Mittendorf (Germania), Keiichi Nakamura (Giappone), Clemente Padin (Uruguay), Takako Saito (Giappone), Mary Ellen Solt (USA), Chima Sunada (Giappone), Mark W. Sutherland (Canada), Shohachiro Takahashi (Giappone), Ben Vautier (Francia), Edgardo Antonio Vigo (Argentina).

La mostra Viaggio nella Parola è articolata anche come evento didattico, introduttivo alla mostra, quindi all’affascinante rapporto che da sempre intercorre tra la parola scritta e le ricerche verbo-visive, in particolar modo contemporanee: lezioni e incontri preliminari con gli studenti degli Istituti Scolastici Superiori della Spezia, visite guidate, laboratori; con un rapporto privilegiato oltre che con il Liceo Classico Statale “L. Costa”, che ha ospitato parte della sezione documentaria e con l’Istituto “Cardarelli” - Liceo Artistico, con il progetto di produrre un laboratorio didattico specifico.

Nell’ambito della mostra, tra le iniziative collaterali, martedì 6 marzo 2007 alle ore 17.30, la presentazione, a cura di Bruno Corà, presso il CAMeC – Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia (p.zza C. Battisti 1), del libro Ketty La Rocca, i suoi scritti, che presenta un ampio repertorio di inediti dell’artista – presente in mostra con un suo libro d’artista – nata alla Spezia nel 1938 e morta a Firenze nel 1976, edito nel dicembre 2005 da Martano Editore (Torino), a cura di Lucilla Saccà, docente di Storia dell’Arte Contemporanea presso il Dipartimento di Storia delle Arti e dello Spettacolo dell’Università degli Studi di Firenze.

Catalogo in mostra, con la riproduzione a colori di tutte le opere e apparati e contributi, introduttivi e critici italiano/inglese. Testi di Mirella Bentivoglio, Bruno Corà, Lamberto Pignotti.

Immagine: Alighiero Boetti

Inaugurazione: venerdì 16 febbraio 2007, ore 17.30

Sedi a ingresso libero

Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia / Mostra 85 artisti italiani e stranieri
via Chiodo 36, La Spezia
Orario: feriali 16.00–19.00 / festivi e prefestivi 10.00–13.00 / 16.00-19.00

Liceo Classico Statale “L. Costa” / Mostra documentaria
p.zza Verdi, La Spezia
Orario: lunedì – venerdì 09.00–18.00 / sabato 09.00-13.00 / domenica chiuso

Galleria /Circolo Culturale “Il Gabbiano” – Arte Contemporanea / Mostra documentaria
via don Minzoni 53, La Spezia
Orario: martedì – sabato 17.00 – 20.00 / domenica e lunedì chiuso

  Share
IN ARCHIVIO [2]
Domenico Fiasella 1589-1669
dal 5/12/2008 al 22/2/2009

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede