Palazzo delle Papesse
Siena
via di Citta', 126
0577 22071 FAX 0577 42039
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Il dono
dal 2/6/2001 al 23/9/2001
0577 220727
WEB - EMAIL
Segnalato da

Maria Cammelli, Ufficio stampa Papesse



 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




2/6/2001

Il dono

Palazzo delle Papesse, Siena

La mostra, che riunisce opere di circa cinquanta artisti contemporanei tra cui figurano personalita' di primo piano della scena artistica internazionale degli ultimi trent’anni e giovani artisti emergenti, si propone di esplorare in tutta la loro ambiguita' le nozioni di dono, omaggio, dedica, offerta, invito e ospitalita'. In un mondo sempre più dominato dalla rigida regolamentazione dei rapporti personali e popolato da oggetti concepiti come prodotti da consumare, alcuni aspetti della pratica artistica contemporanea sembrano sottolineare l’importanza di gesti gratuiti e disinteressati, capaci di dar luogo a una nuova relazione tra artista, opera d’arte e spettatore.


comunicato stampa

Offerta, ospitalità, insidia

A cura di Gianfranco Maraniello e Antonio Somaini

La mostra, che riunisce opere di circa cinquanta artisti contemporanei tra cui figurano personalità di primo piano della scena artistica internazionale degli ultimi trent’anni e giovani artisti emergenti, si propone di esplorare in tutta la loro ambiguità le nozioni di dono, omaggio, dedica, offerta, invito e ospitalità. In un mondo sempre più dominato dalla rigida regolamentazione dei rapporti personali e popolato da oggetti concepiti come prodotti da consumare, alcuni aspetti della pratica artistica contemporanea sembrano sottolineare l’importanza di gesti gratuiti e disinteressati, capaci di dar luogo a una nuova relazione tra artista, opera d’arte e spettatore. Nel tentativo di mostrare la ricchezza di significato insita nei gesti del dare e del ricevere, la mostra presenta opere di volta in volta pensate come doni di cose e doni di sé, doni del proprio corpo e doni di simboli, dediche e omaggi, dispersioni gratuite e gesti disinteressati, segni di invito e di ospitalità!

Il quadro che emerge dall’insieme delle opere esposte non indica tanto la necessità di una nostalgica rivalutazione della generosità e dell’altruismo, bensì mostra tutte le ambiguità della pratica del donare: ogni dono (che si tratti di un regalo, di un omaggio, di una dedica o di un’offerta di ospitalità) si rivela sempre ambiguamente sospeso fra l’interesse e il disinteresse, la generosità e l’offesa, la seduzione e l’insidia, l’omaggio e la sfida. Donare, infatti, significa certamente compiere un atto di devozione e rispetto verso l’altro, ma nasconde spesso il tentativo di affermare la propria superiorità e di sfidare l’altro a rispondere con un dono equivalente o superiore. Scopo della mostra, dunque, è quello di invitare lo spettatore a riflettere sulle molteplici implicazioni insite negli atti del donare e del ricevere e sulle diverse forme di relazione interpersonale che questi atti possono produrre.

Gli artisti in mostra
Come si è detto, la mostra presenta opere di circa cinquanta artisti di diversa provenienza, tra cui si trovano opere storiche come quelle di Yves Klein, Piero Manzoni e Man Ray, personalità di primo piano della scena artistica internazionale degli ultimi trent'anni (come Marina Abramovic, Vito Acconci, Louise Bourgeois, Joseph Kosuth, Ana Mendieta, Maurizio Nannucci e Yoko Ono), artisti affermatisi tra la seconda metà degli anni '80 e la prima metà degli anni '90 (come Clegg & Guttman, Jochen Gerz, Felix Gonzalez-Torres, Mona Hatoum, Gabriel Orozco), e giovani artisti che si sono imposti a livello internazionale negli ultimi anni (tra cui i giapponesi Mariko Mori e Yutaka Sone, i cinesi Cai Guo Qiang, Zhang Huan e Lee Mingwei, i thailandesi Navin Rawanchaikul e Rirkrit Tiravanija, i francesi Marie-Ange Guilleminot e Mathieu Laurette, gli italiani carlo Benvenuto, Lara Favaretto, Massimo Kaufmann, Luca Pancrazzi e Patrick Tuttofuoco, l'israeliano Roee Rosen). Nella mostra verrà inoltre presentato un contributo video di Enrico Ghezzi sul tema del dono e dell'ospitalità.

Lista degli artisti:
Marina Abramovic, Vito Acconci, Carlo Benvenuto, Joseph Beuys, Louise Bourgeois, James Lee Byars, Cai Guo-Qiang, Clegg & Guttman, Claude Closky, Roberto Cuoghi, Gabriele Di Matteo, Lara Favaretto, Jochen Gerz, Enrico Ghezzi, Nan Goldin, Dominique Gonzalez-Foerster, Felix Gonzalez-Torres, Marie-Ange Guilleminot, Fabrice Gygi, Mona Hatoum, Carsten Höller, Zhang Huan, Pierre Huyghe, Ettore Innocente, Alfredo Jaar, Francesco Jodice, Joko, Massimo Kaufmann, On Kawara, Karen Kilimnik, Yves Klein, Joseph Kosuth, Wolfgang Laib, Matthieu Laurette, Urs Lüthi, Piero Manzoni, Gordon Matta-Clark, Cildo Meireles, Ana Mendieta, Lee Mingwei, Mariko Mori, Liliana Moro, Zwelethu Mthethwa, Maurizio Nannucci, Hermann Nitsch, Yoko Ono, Gabriel Orozco, Luca Pancrazzi, Giulio Paolini, Giuseppe Penone, Alfredo Pirri, Navin Rawanchaikul, Man Ray, Pipilotti Rist, Mario Rizzi, Roee Rosen, Anri Sala, Andreas Slominski, Kiki Smith, Yutaka Sone, Georgina Starr, Superflex, Rirkrit Tiravanija, Patrick Tuttofuoco.

Il catalogo
Il catalogo della mostra, edito e distribuito dall’editore Charta, conterrà tutte le immagini delle opere in mostra e venticinque saggi scritti, oltre che dai curatori Gianfranco Maraniello e Antonio Somaini e dal direttore del Palazzo delle Papesse Sergio Risaliti, da critici d’arte, filosofi, antropologi e scrittori di fama internazionale. Gli autori dei saggi in catalogo sono: i filosofi Jean Baudrillard, Riccardo Caldura, Jacques Derrida, Raoul Kirchmayr, Jean-Luc Marion, Jean-Luc Nancy; gli antropologi Alain Caillé, Franco La Cecla e Antonio Marazzi; i critici d’arte Chiara Bertola, Achille Bonito Oliva, Nicolas Bourriaud, Jacqueline Burckhardt, Dan Cameron, Henry Meyric Hughes, Cornelia Lauf, Yehuda Safran, Marco Senaldi, Harald Szeemann; lo scrittore Daniele Del Giudice e il critico e regista televisivo Enrico Ghezzi; gli studiosi di letteratura Nicola Gardini e Martino Marazzi.

La mostra è stata preceduta dal convegno internazionale "Figure del dono e dell’ospitalità nella pratica artistica contemporanea" organizzato nel gennaio 2000 presso la Fondazione Querini Stampalia di Venezia con la sponsorizzazione della Herno SpA. Al convegno hanno partecipato personalità di rilievo come i filosofi Jean Baudrillard; lo storico Giovanni Levi; gli antropologi Alain Caillé e Franco La Cecla; i critici d’arte Lorand Hegyi, Henry Meyric Hughes, Marco Senaldi e Angela Vettese; gli artisti Marie-Ange Guilleminot, Joseph Kosuth, Eva Marisaldi, gli scrittori Daniele Del Giudice e Tiziano Scarpa. Scopo del convegno, che si è svolto nella forma di un seminario di tre giorni a porte chiuse, è stato quello di raccogliere interventi diversi su due temi: a) quali sono le forme che hanno assunto nella società contemporanea le antiche pratiche del donare e del ricevere, dall’offerta al sacrificio, dal tributo all’elargizione, dalla dedica all’elemosina; b) in che modo la ricchezza della pratica del dono si manifesta nella produzione artistica contemporanea. Durante i tre giorni del convegno, si sono succeduti interventi e dibattiti che hanno originato buona parte dei saggi presentati nel catalogo della mostra.

Nell’ambito dell’iniziativa Il dono. Offerta, ospitalità, insidia, la Compagnia Virgilio Sieni Danza presenterà uno spettacolo ispirato al tema della mostra. Con la sponsorizzazione di Herno S.p.a.

Con il contributo di Fondazione Monte dei Paschi di Siena

Altre date
14 ottobre 2001 - 6 gennaio 2002 Centro Culturale Candiani, Mestre (VE)
febbraio 2002 - dicembre 2003 tour in diversi musei degli Stati Uniti organizzato dall’associazione newyorkese ICI - Independent Curators International (i nomi delle istituzioni che ospiteranno la mostra saranno resi noti a partire dal luglio 2001)

Immagine: Yoko Ono Performing Cut Piece, March 21, 1965, at Carnegie Recital Mall, NYC, Photo: Minoru Niizuma, Courtesy: Lenono Photo Archive

Inaugurazione: sabato 2 giugno 2001, ore 18.00
orario (feriali e festivi): 12.00-19.00
prezzo dei biglietti: intero Lit. 9.000; ridotto Lit. 6.000

Centro Arte Contemporanea Palazzo delle Papesse, Via di Città 126, Siena
direzoine tel. 0577220727
uffici tel. 0577220722

  Share
IN ARCHIVIO [74]
Il Calapranzi
dal 11/4/2008 al 12/4/2008

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede