Galleria L'Elefante
Treviso
via Roggia, 52
0422 419550 FAX 0422 419550
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Body Art
dal 29/10/2005 al 3/12/2005
0422 419550 FAX 0422 419550
EMAIL
Segnalato da

Galleria L’Elefante




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




29/10/2005

Body Art

Galleria L'Elefante, Treviso

Negli anni '60 e '70 il panorama degli artisti che utilizzarono il corpo come strumento di indagine, come materiale o luogo da contrapporre all'ambiente, e' variegato. Tendenza comune era la volonta' di muoversi senza seguire gli schemi tradizionali dell'arte, manifestando intenti di rottura nei confronti del sistema. In mostra lavori di 17 artisti: Vito Acconci, Gunter Brus, Giuseppe Chiari, Ketty La Rocca, Gina Pane...


comunicato stampa

Collettiva

"Abbiamo l'uomo che è solo tale, l'uomo che non è né faber, né ludens, né sapiens: l'uomo senza la Favola (senza la morale, l'apologo, l'allegoria), l'uomo col suo terrore della banalità ininterrotta, con le sue affezioni e disaffezioni maledette, coi suoi atti pii e osceni, coi suoi visceri rossi e impuri, col suo gusto della decadenza e dell'espiazione".
Lea Vergine

Negli anni Sessanta e Settanta il panorama degli artisti che utilizzano il corpo come strumento di indagine, come materiale o luogo da contrapporre all'ambiente, è molteplice.

Tendenza comune è la volontà di muoversi senza seguire gli schemi tradizionali dell'arte, quasi sempre manifestando intenti di rottura nei confronti del sistema: le gallerie, il collezionismo, la mercificazione dell'arte.

Il fatto che si verifichi negli stessi anni un medesimo movimento di interesse nei confronti del corpo, della sua espressività e della sua espressione, è sintomo di un dialogo tra aree geografiche diverse e di medesime urgenze poetiche ed estetiche in ambienti differenti.

Dei vari movimenti che scardinano i limiti angusti dell'oggetto artistico per realizzare una sorta di opera d'arte totale che parte dal corpo, luogo che più di ogni altro permette di effettuare un'indagine conoscitiva priva delle sovrastrutture della conoscenza, è la Body Art che ci interessa mostrare.

Dalla Performance e dall'Happening trae la libertà espressiva per poter giungere ad una riflessione anche in termini psicoanalitici sul significato profondo dell' Io e del suo rapporto con la realtà esterna.

Azioni e manipolazioni del corpo spogliato dalle vesti dell'educazione e del buon senso coinvolgono pubblico e artista e culminano soprattutto nell'azionismo viennese ( Nitsch, Brus, Muehl, Schwarzkogler), in un eccesso sado-masochistico che è la sublimazione della potenzialità espressiva dell'uomo privo degli orpelli della ragione. Poi diminuiscono nel corso della performance fino a raggiungere una catarsi dove gli istinti sono messi a tacere.

".ogni gesto trascina con sé un enorme bagaglio di esperienza e una serie di profonde meditazioni sull'esistenza stessa. Invece di reagire, di negare, si accetta e si sublima visualmente ogni momento dell'azione, spesso aiutati da luci colorate. Ne nasce quasi una liturgia estetica che si snoda continuamente fino alla fine".
Hermann Nitsch

Elenco degli artisti:
Vito Acconci, Dieter Appelt, Günter Brus, Giuseppe Chiari, Giorgio Ciam, Giuseppe Desiato, Ketty La Rocca, Urs Lüthi, Molinier, Muehl, Hermann Nitsch, Luigi Ontani, Dennis Oppenheim, Gina Pane, Arnulf Rainer, Rudolf Schwarzkogler, Michele Zaza.

Immagine: Gina Pane

Inaugurazione: Sabato 29 ottobre dalle ore 18.00

Galleria l'Elefante
Via Roggia, 52 - Treviso
Tel. e fax: 0422 419550
Orario: dal martedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30 o su appuntamento

  Share
IN ARCHIVIO [10]
Gina Pane
dal 17/4/2010 al 12/6/2010

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede