Rocca Sforzesca
Soncino (CR)
Via IV Novembre, 14
LINEA DIRETTA
deLIBERatamente
dal 19/6/2004 al 11/7/2004
347 8927773
EMAIL
Segnalato da

Carlo guarnieri



 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




19/6/2004

deLIBERatamente

Rocca Sforzesca, Soncino (CR)

Il libro d'artista negli anni 60'e 70'. Da Piero Manzoni ad Andy Warhol. La crescente necessita' di un confronto culturale fuori dalle istituzioni favori' lo sviluppo del libro d'artista, fenomeno praticato da tutti i movimenti del panorama artistico di quegli anni. I poeti visivi, i fluxus, i concettuali e altri artisti all'interno dalle ricerche della land art, dell'arte povera e minimal ne sperimentarono le potenzialità comunicative. L'esposizione e' divisa in cinque diverse situazioni, sono esposte le opere di oltre 40 artisti internazionali: Vincenzo Agnetti, Sol Lewitt, Gastone Novelli, Man Ray, Ed Ruscha, Lawrence Weiner e moltissimi altri


comunicato stampa

COMUNE DI SONCINO
Associazione Culturale
LE MUSE
Presentano la mostra

deLIBERatamente
Il libro d'artista negli anni 60'e 70'
Da Piero Manzoni ad Andy Warhol.

a cura di Melania Gazzotti
intervento critico di Flaminio Gualdoni
organizzazione Associazione Culturale LE MUSE
con il patrocinio di Provincia di Cremona

''deLIBERatamente'' è un viaggio nelle ricerche artistiche degli anni '60 e '70 attraverso la pratica del libro d'artista. Lo spettatore viene accompagnato, grazie all'allestimento di cinque diverse situazioni, alla scoperta di come le neo-avanguardie si siano servite di questo atipico oggetto d'arte facendogli perdere la sua originaria valenza di supporto e medium e promovendolo a vera e propria manifestazione artistica.
Nell'ambito delle ricerche concettuali il libro diventa luogo ideale per una riflessione sull'arte e sui linguaggi in generale. All'interno delle esperienze poetico visive e concrete è considerato come un naturale referente con cui dialogare ma allo stesso tempo misurarsi. Più trasversalmente, diviene il metodo più efficace con cui registrare le performance, gli happenings, i progetti, le sperimentazioni musicali ed anche le semplici manifestazioni di vita quotidiana, elevandosi sempre e comunque ad opera d'arte perché cosi voluto e concepito dall'artista.

Provenienza opere:
MART Deposito Paolo Della Grazia ( Rovereto )
Collezione Giorgio Maffei ( Torino )
Archivio Cavellin ( Brescia )
Collezione Felice Denza ( Brescia )

Artisti presenti in mostra:
Vincenzo Agnetti, Giovanni Anselmo, Bernard Aubertin, Gianfranco Baruchello, Achille Bonito Oliva, George Brecht, Sylavano Bussotti, John Cage, Augusto De Campos, Luciano Caruso, Guglielmo Achille Cavellini, Giuseppe Chiari, Francesco Clemente, Carlo Cremaschi, Giuliano Della Casa, Hamish Fulton, Marco Gastini, Emilio Isgrò, Sol Lewitt, Arrigo Lora Totino, Piero Manzoni, Mario Merz, Eugenio Miccini, Maurizio Nannucci, Herman Nitsch, Gastone Novelli, Mimmo Paladino, Giulio Paolini, Claudio Parmiggiani, Giuseppe Penone, Lamberto Pignotti, Man Ray, Dieter Roth, Ed Ruscha, Niki De Saint Phalle, Shohachiro Takahashi, Franco Vaccari, Ben Vautier, Emilio Villa, Wolf Vostell, Andy Warhol, Lawrence Weiner.

Il libro d'artista è un prodotto culturale integralmente realizzato da un autore che interviene nella progettazione e nella creazione pratica di ogni suo elemento costitutivo: nei testi, quando sono presenti, nelle immagini, nella forma. Esso, a parere unanime della critica, nasce nei primi anni '60 in seno alle neoavanguardie; le sue radici si fondano nella ricerca poetica di Mallarmè e fondamentali sono anche le esperienze dei futuristi Marinetti, Depero e D'Albisola. Nel contesto dei profondi cambiamenti sociali ed economici degli anni '60, il libro simbolo della cultura istituzionale intaccato dalla crisi della letteratura viene rinnegato. Gli artisti liberano le parole dalle pagine, si fanno performers per strada tentando di eliminare ogni intermediario tra prodotto artistico e pubblico. Il libro viene proposto come strumento alternativo, accessibile a tutti il cui valore non viene messo in discussione dalla riproducibilità. La crescente necessità di un confronto culturale fuori dalle istituzioni favorisce lo sviluppo del libro d'artista, fenomeno praticato da tutti i movimenti del panorama artistico degli anni '60 e '70. I poeti visivi, i fluxus, i concettuali e altri artisti all'interno dalle ricerche della land art, dell'arte povera e minimal ne sperimentano le potenzialità comunicative. Nel corso degli anni tale pratica rimane una costante della produzione artistica; si modifica perdendo i connotati di elemento democratizzante, in favore di una produzione limitata: dall'esemplare unico a una tiratura massima di 500 copie.

Immagine: Giuseppe Chiari (b1926) – Antologia 1950 – 1970. Silenzio edizioni SEAC 01. Duration: 50:44. Foto: Fulvio Salvadori

SABATO 19 GIUGNO 2004 ALLE ORE 18:30

In mostra sarà disponibile il catalogo prodotto da
EDIZIONI DEI SONCINO

Rocca Sforzesca
Soncino (CR)
dal martedì al venerdì 10-12
sabato e domenica 10-12 15-19

UFFICIO STAMPA
Silvia Campora 347-8927773

  Share
IN ARCHIVIO [7]
Aligi Sassu
dal 31/5/2008 al 28/6/2008

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede