Fondazione Bandera
Busto Arsizio (VA)
via Andrea Costa, 29
0331 322311 FAX 0331 634298
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Il disegno nell'arte italiana dal 1945 al 1975
dal 27/3/2004 al 30/5/2004
0331 322311 FAX 0331 398464
WEB - EMAIL
Segnalato da

Elisabetta Farioli




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




27/3/2004

Il disegno nell'arte italiana dal 1945 al 1975

Fondazione Bandera, Busto Arsizio (VA)

Disegno che puo' essere progetto, ricerca autonoma, esercitazione e che e' da sempre strumento portante per il lavoro degli artisti, espressione fondamentale di buona parte della loro ricerca. Piu' di 150 opere di diverse dimensioni da Giorgio Morandi ai disegni degli artisti dell'Arte Povera, dell'Arte Concettuale, la produzione Pop e i progetti di scultura da Fausto Melotti a Luciano Fabro. La rassegna presenta anche il lavoro di artisti meno conosciuti, e' ordinata secondo una ripartizione cronologica e tematica, intende mettere a confronto momenti e linguaggi differenti, alternando opere storiche con testimonianze piu' recenti.


comunicato stampa

Cura e coordinamento scientifico: Angela Madesani

La mostra, che indaga un fondamentale trentennio della storia dell'arte italiana, dal 1945 al 1975, analizza un aspetto assai importante e tutto sommato ancora abbastanza trascurato di questa avvincente storia: il disegno e la produzione su carta. Disegno che può essere progetto, ricerca autonoma, esercitazione e che è da sempre strumento portante per il lavoro degli artisti, espressione fondamentale di buona parte della loro ricerca. Il rapporto dell'artista con il disegno è quanto mai individuale e la rassegna, che ospita più di centocinquanta opere di diverse dimensioni, dimostra che non è possibile operare delle considerazioni generiche o generalizzanti. Si propone un confronto inedito tra artisti di varia formazione, appartenenti a diverse generazioni, attraversando le principali esperienza dell'arte italiana del periodo in esame. Da Giorgio Morandi a Lucio Fontana, Alberto Burri, Afro e Osvaldo Licini. Dai disegni progettuali degli artisti dell'Arte Povera, da Paolini e Kounellis a Boetti, passando per la straordinaria stagione dell'Arte Concettuale, nella quale gli artisti utilizzano il disegno in fase progettuale e non solo facendolo divenire, talvolta, opera carica di valori autonomi; si pensi in tal senso a Cioni Carpi e Bruno Di Bello. Interessante è anche la parte dedicata alla produzione Pop, da Valerio Adami a Enrico Baj (di cui è documentata anche la stagione nucleare), a Emilio Tadini, senza dimenticare le entusiasmanti esperienze di certo realismo di cui Bepi Romagnoni è stato uno dei protagonisti di spicco. Progettuale e fondamentale è la posizione occupata dal disegno all'interno di opere di scultura, da Fausto Melotti a Luciano Fabro.
La rassegna, che sarà occasione di studio anche del lavoro di artisti meno conosciuti, ordinata secondo una ripartizione cronologica e tematica, intende mettere a confronto momenti e linguaggi differenti, alternando opere storiche con testimonianze più recenti. Si tratta di una scelta che prevede prestiti provenienti da musei, istituzioni pubbliche e collezioni private, in base ad un criterio che consentirà la presentazione di disegni particolarmente selezionati.

Gli artisti in mostra: Carla Accardi, Valerio Adami, Afro, Vincenzo Agnetti, Franco Angeli, Giovanni Anselmo, Rodolfo Aricò, Enrico Baj, Gianfranco Baruchello, Alighiero Boetti, Alberto Burri, Antonio Calderara, Pier Paolo Calzolari, Giuseppe Capogrossi, Carmelo Cappello, Cioni Carpi, Nicola Carrino, Felice Casorati, Enrico Castellani, Giuseppe Chiari, Gianni Colombo, Joe Colombo, Pietro Consagra, Claudio Costa, Roberto Crippa, Dadamaino, Lucio del Pezzo, Bruno di Bello, Piero Dorazio, Luciano Fabro, Tano Festa, Lucio Fontana, Pinot Gallizio, Giorgio Griffa, Jannis Kounellis, Ketty La Rocca, Osvaldo Licini, Francesco Lo Savio, Fabio Mauri, Gino Meloni, Fausto Melotti, Mario Merz, Giorgio Morandi, Bruno Munari, Hidetoshi Nagasawa, Mario Nigro, Gastone Novelli, Giulio Paolini, Gianfranco Pardi, Claudio Parmiggiani, Pino Pascali, Giuseppe Penone, Achille Perilli, Michelangelo Pistoletto, Arnaldo Pomodoro, Giò Pomodoro, Concetto Pozzati, Mario Raciti, Carol Rama, Bepi Romagnoni, Mimmo Rotella, Lucio Saffaro, Antonio Sanfilippo, Emilio Scanavino, Mario Schifano, Atanasio Soldati, Giuseppe Spagnulo, Tancredi, Emilio Tadini, Giulio Turcato, Giuseppe Uncini, Grazia Varisco, Emilio Vedova, Luigi Veronesi, Emilio Villa.

Immagine: Natura morta, 1928 (Tavoni-Pasquali, 11928/4) matita su carta, 27 x 38 cm

La mostra è accompagnata da un catalogo a cura di Angela Madesani che documenta i vari momenti della mostra e che si propone come strumento di lavoro per quanti vogliono occuparsi di questa fiorente stagione della storia del disegno in Italia.

Inaugurazione: sabato 27 marzo 2004 - ore 18.30

Fondazione Bandera per l'Arte, via Andrea Costa n. 29 Busto Arsizio (VA)
Orari della mostra: da martedì a domenica 10 - 12.30 / 15.30 -19.00. Lunedì chiuso
Ingresso: intero euro 6 - ridotto euro 4
Visite guidate: a cura di Cristina Moregola Molteni

Per informazioni: Fondazione Bandera per l'Arte
Segreteria: Donatella Lucchini
Ufficio Stampa: Elisabetta Farioli tel. 0331-322.311 fax 0331-398464

  Share
IN ARCHIVIO [40]
AD- Libitum (A piacere)
dal 18/2/2012 al 11/3/2012

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede