Galleria Martini e Ronchetti
Genova
via Roma, 9
010 586962 FAX 010 583375
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Fotografia negli anni '70
dal 30/11/2002 al 31/12/2002
WEB - EMAIL
Segnalato da

Galleria Martini & Ronchetti




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




30/11/2002

Fotografia negli anni '70

Galleria Martini e Ronchetti, Genova

Questa mostra presenta una serie di opere realizzate nel corso decennio compreso fra la fine degli anni sessanta e quella degli anni settanta con il mezzo fotografico, freddo, puntuale, fidato testimone di un percorso essenzialmente mentale di ricerche, azioni, comportamenti.


comunicato stampa

Fra concetto e comportamento

Inaugurazione: sabato 30 novembre 2002, ore 18.00

Orario : dal martedì al sabato ore 16.00 - 19.30 . Mattino su appuntamento.

Opere: di Marina Abramovic/Ulay, Vincenzo Agnetti, Giovanni Anselmo, Bernhard e Hilla Becher, Joseph Beuys, Gunther Brus, Achille Cavellini, Giuseppe Chiari, Giorgio Ciam, Claudio Costa, Giuseppe Desiato, Luigi Ghirri, Zvi Goldstein, Allan Kaprow, Ketty La Rocca, Ugo Locatelli, Urs Luthi, Luigi Mainolfi, Eliseo Mattiacci, Fabio Mauri, Charlotte Moorman, Otto Muhl, Hermann Nitsch, Luigi Ontani, Nam June Paik, Dennis Oppenheim, Giulio Paolini, Gina Pane, Giuseppe Penone, Rudolf Schwarzkogler, Aldo Tagliaferro, Franco Vaccari, Franco Vimercati, Michele Zaza.

Questa mostra presenta una serie di opere realizzate nel corso decennio compreso fra la fine degli anni sessanta e quella degli anni settanta con il mezzo fotografico, freddo, puntuale, fidato testimone di un percorso essenzialmente mentale di ricerche, azioni, comportamenti. “ ....Così dagli anni ‘60 gli “operatori estetici”, come preferivano definirsi allora gli artisti, delle varie tendenze di ambito concettuale, land art, comportamento, nell’ottica di rinnovamento del linguaggio artistico faranno grande uso della fotografia stabilendo da subito un rapporto privilegiato e accettandone caratteristiche insite. Sarà per la freddezza del mezzo, per la capacità di analisi, per il tipo di immagine finale prodotta, per il fascino della macchina, ma tutti questi fattori che hanno determinato direttamente o indirettamente nuove valenze nell’arte del XX secolo, daranno ancora una nuova linfa soprattutto ai lavori di natura strettamente concettuale di quegli anni.

Diciamo meglio che é per via della stessa natura straordinariamente ”camaleontica” della fotografia a farle assumere sembianze diverse in ambiti anche molto distanti tra loro, artistici e non, determinando confini operativi sempre più vasti....” (Angelo Candiano) L’esposizione comprende lavori rigorosamente concettual di Luigi Ghirri, o di Franco Vimercati, e fra le opere più significative citiamo quella di Allan Kaprow, teorico ed inventore dell’happening, che insieme a Nam June Paik, Charlotte Moorman e Giuseppe Chiari, qui presenti, partecipò al gruppo Fluxus fin dalla fine degli anni sessanta.

Di primaria importanza i lavori di Gunther Brus, di Claudio Costa, di Urs Luthi, di Ontani, di Otto Muhl e di Aldo Tagliaferro, per non parlare del giovane Luigi Mainolfi, presente con le immagini dell’ azione “C’era una volta un re” eseguita nel 1977 alla Galleria Comunale di Bologna, lo stesso anno dell’azione con cui è presente in questa mostra Marina Abramovic con Ulay. Sono inoltre presenti: Giulio Paolini, ed un artista meno conosciuto ma non meno significativo nell’ambito del comportamento, Giorgio Ciam, con un lavoro del 1972 dal titolo “Essere un altro” Ed ancora, fra le altre, vengono esposte le bellissime immagini di Eliseo Mattiacci che “percorre la riva del mare in bicicletta” e dell’”Ebrea” di Fabio Mauri (performance del 1971).

Una nota a parte sul lavoro di Ugo Locatelli , un artista rimasto per lunghi anni silenzioso seppur attivo, presente con un’intera mostra “Aree e tracce” tenuta nel 1972 a Milano, per non citare che velocemente il più classico ed insigne fra i concettuali italiani, Vincenzo Agnetti, presente con la “Tavola di Dario tradotta in tutte le lingue”.

Per questa esposizione é stato edito un catalogo a cura di Liliana Dematteis, G.B. Martini e Alberto Ronchetti contenente la riproduzione di 25 opere esposte e corredato da un testo critico di Angelo Candiano, da apparati bio-bibliografici e da testi degli stessi artisti.

Immagine: Claudio Costa
Gli occhi dei Maori riflettono i colori latenti della foresta - 1973
Riporti fotografici su tela e tele dipinte - 12 tele, misure varie

Galleria Martini & Ronchetti - Via Roma 9 - 16121 Genova

  Share
IN ARCHIVIO [14]
Jane McAdam Freud
dal 7/5/2014 al 12/7/2014

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede