Galleria Il Ponte
Firenze
via di Mezzo, 42b
055 240617 FAX 055 5609892
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Giuseppe Chiari e la fotografia
dal 23/4/2010 al 10/7/2010
15-19, sabato su appuntamento, festivi chiuso

Segnalato da

Susanna Fabiani




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




23/4/2010

Giuseppe Chiari e la fotografia

Galleria Il Ponte, Firenze

I sei scalini sono la musica. La mostra nasce da un raccolta di opere che Chiari ha sviluppato dal 1987 alla fine degli anni '90. Il ciclo trae origine dal ritrovamento di un piccolo pianofortino a 6 tasti che Chiari trasforma in opera firmandolo e che fa poi fotografare in varie situazioni. Da queste prime immagini l'artista compone un nucleo di carte strettamente connesse all'idea che 'i sei scalini sono la musica'.


comunicato stampa

a cura di Andrea Alibrandi ed Enrico Pedrini
in collaborazione con l’Archivio Giuseppe Chiari

La mostra nasce da un raccolta di opere che Chiari ha sviluppato dal 1987 alla fine degli anni ’90. Il ciclo trae origine dal ritrovamento di un piccolo pianofortino a 6 tasti, che Chiari trasforma in opera firmandolo e che fa poi fotografare in varie situazioni. Da queste prime immagini attraverso l’uso della fotocopiatrice a colori, degli acetati e dei suoi interventi scritti compone un nucleo di carte strettamente connesse all’idea che i sei scalini sono la musica.

Chiari, come tutti gli artisti che hanno seguito le esperienze Fluxus, ha spesso utilizzato la fotografia per fissare e testimoniare le sue performances. Fotografie che a partire dagli ormai famosi Gesti sul piano dei primi anni ’70 compongono l’altra sezione della mostra, assieme ad alcune immagini veramente rare come quelle de L’acqua con tre specchi (1979) e le gigantografie scattate al video televisivo dei movimenti sul piano, poi virate in più colori del 1979.

Da questi due nuclei emerge con evidenza come l’uso della fotografia, che in un primo momento rappresenta il mezzo per fermare un avvenimento una sua performance, si trasforma, attraverso l’estrema libertà espressiva di Chiari, in linguaggio di cui l’artista si appropria, sviluppandolo all’interno di un proprio e personale percorso.

Giuseppe Chiari nasce a Firenze nel 1926. Dopo gli studi di ingegneria, nel 1947 inizia la sua attività musicale e nel 1950 inizia a camporre. Nel '61 con Pietro Grossi fonda l'associazione Vita Musicale Contemporanea. Con Sylvano Bussotti coordina la mostra itinerante Musica e Segno. Dal 1962 entra a far parte del gruppo internazionale e interdisciplinare Fluxus, nato negli USA per promozione di George Maciunas e impostato su comportamenti alternativi e continui sconfinamenti della specialità dei linguaggi. Nel '63 viene eseguito a New York il suo lavoro "Teatrino" all'interno di una serie di concerti organizzati da Charlotte Moorman e Nam June Paik. Partecipa in seguito al Gruppo 70 per la parte musicale. Pubblica il libro "Musica senza contrappunto" nel '69 e "Senza Titolo" nel '71. Nel 1970 smette di comporre ed inizia una intensa attività di concerti, performances, conferenze che lo portano, fra l'altro, a Berlino, Londra, Parigi, Vienna, Milano, Venezia, Roma, New York. La sua attività come artista visivo lo porta ad essere considerato oggi l'artista Fluxus italiano più importante in campo internazionale. Muore a Firenze nel maggio del 2007.

Ufficio stampa: Susanna Fabiani
susy@galleriailponte.com

Inaugurazione venerdì 23 aprile ore 18,30

Galleria Il Ponte arte moderna e contemporanea
via di mezzo, 42/b Firenze
orario 15-19, sabato su appuntamento - festivi chiuso
ingresso libero

  Share
IN ARCHIVIO [52]
Robert C. Morgan
dal 30/5/2014 al 27/6/2014

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede