L'edicola digitale delle riviste italiane di arte e cultura contemporanea

::   stampa   ::   Invia
  ::   playlist   ::   Commenti

Juliet Anno Numero 89 ott-nov 98



JAN WORST

G.Pixi



Art magazine
ARTICOLI DAGLI ALTRI NUMERI

Adrian Paci
Maria Vinella
n. 173 giugno-luglio 2015

Case chiuse, corpi aperti
Roberto Borghi
n. 172 aprile-maggio 2015

Yang Xinguang e la materia
Sara Bortoletto
n. 171 febbraio-marzo 2015

Eugenio Re Rebaudengo
Giulia Bortoluzzi
n. 170 dicembre-gennaio 2015

Biennale Architecture
Gabriele Pitacco Marco Gnesda
n. 169 ottobre-novembre 2014

Biennale Marrakech
Emanuele Magri
n. 168 giugno-luglio 2014


Appearance 1997, olio su tela, cm 120x120

Jan Worst, un pittore che ama e ammira il lavoro di Max Beckmann, Balthus e Klossowski, caratterizza la sua pittura con l'opulenza propria dei fiamminghi: interni borghesi, lussureggianti, ornati di tappeti e arazzi (ottimo pretesto per i colpi di luce, per i toni caldi dell'oro e del rosso), e tra i quali colloca belle e stranianti figure: femminili e maschili. Questo suo modo molto meticoloso di procedere tra le fila di una modernità all'ancien non può presentare confusioni di tipo fotografico: la sua pittura non è fotografica: è fatta di tocchi magici, di concatenazioni lentissime, di abili finzioni.

  Share