L'edicola digitale delle riviste italiane di arte e cultura contemporanea

::   stampa   ::   Invia
  ::   playlist   ::   Commenti

Juliet Anno 28 Numero 138 giugno-luglio 2008



David Drebin

Ch. Schloss



Art magazine


Sommario
Giugno 2008, n. 138

* Copertina di Gabriel Orozco

* Intervista a Barbara Franchin, di Roberto Vidali

* Chiara Camoni di Cristina Romano

* Nasan Tur di Ch.Schloss

* Da Nizza, intervista a Jérémie Strauch, a cura di Stefania Meazza

* Mark Kostabi di Anita T.Giuga

* Le Marche, di L.Marucci, 1° puntata

* Intervista a Dan Perjovschi, di Francesca Agostinelli

* Géorges Adéagbo di Francesca Galluzzi

* Andreas Gursky di Eleonora Garavello

* David Drebin di Ch. Schloss

* Rubrica di Vegetali Ignoti

* Rubrica di Angelo Bianco

* Notiziario Spray

ecc., ecc.
ARTICOLI DAGLI ALTRI NUMERI

Biennale Architecture
Gabriele Pitacco Marco Gnesda
n. 169 ottobre-novembre 2014

Biennale Marrakech
Emanuele Magri
n. 168 giugno-luglio 2014

Andreas Zingerle
Gianluca Ranzi
n. 167 aprile-maggio 2014

Brigitte Vincken
Jonathan Turner.
n. 166 febbraio-marzo 2014

Carlo Fontana
Giulia Bortoluzzi
n. 165 dicembre 2013-gennaio 2014

Karlsruhe ZKM
Emanuele Magri
n. 164 ottobre-novembre 2013


Apollo
foto 80x100cm in 10 esemplari
courtesy Torch Gallery Amsterdam

Movie Star
foto 80x100cm in 10 esemplari
courtesy Torch Gallery Amsterdam

Polaroid
foto 80x100cm in 10 esemplari
courtesy Torch Gallery Amsterdam

David Drebin ammicca e sorride dietro ogni suo scatto.

Molte sono le fantasie che egli scatena, molti sono i pensieri e i riferimenti possibili. C’è senz’altro lo sfondo di una città, di un luogo, di un dettaglio architettonico che sono senza alcun dubbio veri e reali, ma la luce che li tocca, il colore che ci viene trasmesso riportano l’insieme della ripresa in uno spazio artificiale, come se il tutto fosse un set preparato, mentre, in realtà siamo di fronte a delle situazioni solo manipolate, integrate, aiutate.

La bravura della ripresa, il minimalismo e l’essenzialità di certi perimetri rende il tutto molto plausibile ed efficace. I corpi, le pose, l’atteggiarsi, la contestualizzazione, restituiscono a ogni suo scatto, in definitiva, un’aura glamour.

L’autore, originario di Toronto, ma stabilizzatosi a New York a partire dal 1996, ha realizzato campagne fotografiche per grossi marchi come American Express, Davidoff, New York Times, GQ, Elle, Rolling Stone; i suoi punti di riferimento esemplari stanno in Guy Bourdin e Richard Avedon; il che vale a dire che il suo gusto, il suo istinto lo portano a stravedere per il più grande ritrattista del secolo scorso e per il più strano e incredibile fotografo pubblicitario, quello che sapeva mettere l’oggetto pubblicizzato in penombra o in secondo piano.

Il suo primo libro, “Love and Other Stories” è stato realizzato nel maggio del 2007.

  Share