L'edicola digitale delle riviste italiane di arte e cultura contemporanea

::   stampa   ::   Invia
  ::   playlist   ::   Commenti

Juliet Anno 20 Numero 107 aprile 2002



Carla Mattii

a cura di Luciano Marucci

intervista



Art magazine
ARTICOLI DAGLI ALTRI NUMERI

Brigitte Vincken
Jonathan Turner.
n. 166 febbraio-marzo 2014

Carlo Fontana
Giulia Bortoluzzi
n. 165 dicembre 2013-gennaio 2014

Karlsruhe ZKM
Emanuele Magri
n. 164 ottobre-novembre 2013

Jacopo Prina
Alessia Locatelli
n. 163 giugno-luglio 2013

Santiago Cucullu
Antonella Palladino
n. 162 aprile-maggio 2013

Christian Fermo
Stefano Cangiano
n. 161 febbraio-marzo 2013


Scomposizione 6, 2000, stampa digitale su carta fotografica cm 139x198

Luciano Marucci: Quale concetto accomuna i primi dipinti del ciclo 'Assenze', dai diafani volti umani, alle 'presenze' floreali degli ultimi tempi?
Carla Mattii: Tra i due momenti cambiano i soggetti, ma il concetto è lo stesso: indagare su un'ambiguità percettiva. Come l'immagine del volto o del corpo diventa il doppio di sé trasfigurandosi in forme umbratili e indefinite, così il fiore, pur cambiando struttura e forma originaria, resta tale. Una forma presente che rimanda a una assente.

Perché il fiore?
È l'oggetto più appropriato per giocare la carta della seduzione e dell'artificio. Osservando un fiore vero diciamo che per la sua bellezza sembra finto, mentre guardando un bel fiore finto diciamo che sembra vero. Vorrei che i miei fiori, dai colori e dalle forme improbabili, possano essere creduti anche reali.

La scelta del tulipano è stata casuale?
Del tulipano mi interessa la forma. Le possibilità di manipolarlo sono infinite grazie alla presenza del bulbo e dei petali regolari.

Fai un esempio di come agisci.
Prima di tutto scompongo, o meglio 'seziono', un fiore vero staccando petali, calice, corolla, stelo. Utilizzo tutte le parti del fiore reale e creo un fiore nuovo assemblandole in modo illogico, ma non casuale, fino ad ottenere una 'trasfigurazione' o forse una mutazione...

Sembra un intervento chirurgico piuttosto che poetico...
Anche la chirurgia e la manipolazione genetica di questi tempi possono rivelare un'inaspettata aura poetica. Tutto ciò che spalanca nuove prospettive può, se visto con occhi giusti, trovare una dimensione lirica. Nel bene e nel male, beninteso.

Se non sbaglio, il tulipano è uno dei più studiati dai genetisti per creare esemplari dai colori sempre più artificiali graditi al mercato...
Il tulipano e l'orchidea sono le specie più usate per le ibridazioni. Si tende a cambiarne il colore e spesso anche la forma dei petali. Già nel 1600 la 'tulipanomania' era al suo culmine. Chiaramente io cerco di trovare una nuova dimensione anche simbolica ad una pratica che da sempre occupa l'uomo e sta arrivando ad esiti abbastanza estremi: cambiare la natura.

Ma, per arrivare all'opera finita, quale procedimento segui?
Come ti accennavo, prima agisco sulla struttura del fiore vero; una volta trasformato manualmente, lo fotografo. L'opera finita sarà data dalla foto modificata ulteriormente attraverso l'elaborazione digitale, mai l'oggetto-fiore. La mediazione fotografica per me è importantissima.

Compi esclusivamente un' "operazione estetica" o vuoi alludere alle problematiche della transgenetica?
Mi sembra che queste due istanze convivano e si alimentino l'un l'altra nel processo creativo.

Così facendo modifichi l'identità dei componenti più attraenti e vitali del mondo naturale...
E' esattamente la mia intenzione: trasformare la realtà naturale valorizzandone la forma e le parti più belle. Cerco di immaginare creature perfette anche senza linfa vitale.

Dalla manualità pittorica degli 'auto-ritratti' alle manipolazioni materiali, alla virtualità dei nuovi media. In fondo questo percorso artistico 'imita' il processo scientifico del passaggio dalla genetica tradizionale a quella praticata con le ultime tecnologie della procreazione.
Il procedimento artistico imita quello scientifico solo apparentemente. L'oggetto finito può essere simile ma il processo di mutazione diverso. La scienza non si limita alla manipolazione. e fa vivere la natura modificata in un luogo naturale. I miei fiori modificati, invece, non vivono in uno spazio naturale, né seguono le leggi naturali che li porterebbero alla decomposizione. Diventano immagini immutabili di un'astrazione, un atto dell'immaginazione che entra prepotentemente nella realtà.

E' un atteggiamento di denuncia o di accettazione delle mutazioni o clonazioni da laboratorio?
Interagisco con il mondo che mi circonda e sono qui per porre, più che altro, domande. Per ora non denuncio, né accetto: cerco di prendere atto.

(...)
A cura di Luciano Marucci

  Share