Base
Firenze
via San Niccolo', 18R
055 679378 FAX 055 2207281
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
Quattro eventi
dal 20/2/2004 al 20/2/2004
055 679378 FAX 055 2207281
WEB - EMAIL
Segnalato da

Base - Progetti per l'arte



 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




20/2/2004

Quattro eventi

Base, Firenze

Quattro eventi con artisti operanti in varie discipline, invitando il pubblico a partecipare ad una serie di incontri tra musica, letteratura, arte e spettacolo. Progetto Kinkaleri (20 febbraio), Steve Piccolo & Gak Sato (27 febbraio), Giuliano Scabia (12 marzo) ed infine Giuseppe Chiari (24 marzo). Oggi il progetto dei Kinkaleri con 'Paso doble'. 'Kinkaleri raggruppamento di formati e mezzi in bilico nel tentativo' e' una compagnia di sei elementi che si occupano dal 1995 di creazione artistica in ambito performativo


comunicato stampa

Regione Toscana - tra art rete regionale arte contemporanea

Base/Progetti per l’arte presenta, dal 20 febbraio al 24 marzo, quattro eventi con artisti operanti in varie discipline, invitando il pubblico a partecipare ad una serie di incontri tra musica, letteratura, arte e spettacolo. Al progetto dei Kinkaleri (20 febbraio) faranno seguito gli eventi di Steve Piccolo & Gak Sato (27 febbraio), Giuliano Scabia (12 marzo) ed infine Giuseppe Chiari (24 marzo).

Kinkaleri
Pasodoble
venerdì 20 febbraio, dalle ore 18

Il progetto dei Kinkaleri, appositamente concepito per Base dal titolo: ''Paso doble'', viene dagli stessi autori descritto così:

un corpo nel tentativo di copiarsi e riprodurre se stesso, sdoppiato in un’immagine medesima.
Non c’è calcolo o procedimento possibile che permetta di rimisurare in sequenza le proprie decisioni.
Prima non è più adesso e adesso non è più prima.
La contrazione di un istante che ormai è perso non appartiene più a nessun corpo.
Non resta che accettarsi infedeli a se stessi e lanciarsi in un estenuante passo a due irripetibile.

Kinkaleri raggruppamento di formati e mezzi in bilico nel tentativo è una compagnia di sei elementi che si occupano dal 1995 di creazione artistica in ambito performativo. Composta da Matteo Bambi, Luca Camilletti, Massimo Conti, Marco Mazzoni, Gina Monaco, Cristina Rizzo, la compagnia ha base operativa tra Firenze e Prato. Kinkaleri opera fra sperimentazione teatrale, ricerca sul movimento, installazioni visive, materiali sonori e performance, cercando un linguaggio non sulla base di uno stile ma direttamente nell’evidenza di un oggetto. I lavori del gruppo hanno ricevuto ospitalità presso numerose programmazioni in Italia e all’estero, con allestimenti in teatri, centri d’arte contemporanea, centri culturali indipendenti ed istituzionali. Gli spettacoli prodotti ad oggi sono: Amras, Doom, Super, 1.9cc GLX, Esso, et, Zoo, Ecc.etera, Due anzi una macchina, My love for you will never die, , Tono.
http://www.kinkaleri.it

STEVE PICCOLO/GAK SATO
I duellanti
venerdì 27 febbraio, dalle ore 22

Un evento sonoro inedito del duo Steve Piccolo e Gak Sato appositamente concepito per l’occasione.
Verrano presentati quattro nuovi pezzi construiti con rumori, suoni ''trovati'', oggetti utilizzati dal vivo e musica suonata.

part 1: noisy chess

part 2: tin pan alley

part 3: news of the world

part 4: duels and dialogues

''Part 4 (duels and dialogues) è una situazione dove noi ci confrontiamo dal vivo con suoni d’archivio del passato. Useremo anche pezzi dall’archivio Zona.''

Se qualcuno vuole lanciare una sfida (su CD o dal vivo) saremo pronti ad accoglierla.

Steve Piccolo (New York) ex Lounge Lizard, bassista e compositore, lavora con Gak Sato (Tokyo) compositore di musica elettronica e DJ, ormai da tre anni. Entrambi vivono a Milano. Insieme hanno prodotto colonne sonore, progetti sonori per musei e gallerie d’arte, dischi, concerti. Il nuovo CD ''Expedition'' esce per Temposphere Records in gennaio 2004. Per biografie, discografie ed informazioni:
http://www.stevepiccolo.undo.net

GIULIANO SCABIA
Gallocavallo
venerdì 12 marzo, fra le ore 19 e le 19,30, non oltre

Giuliano Scabia ci propone una sua azione teatrale dal titolo ''Gallo cavallo'' nella quale, lo stesso autore, arriverà a cavallo allo spazio di Base, in Via San Niccolò, prima di cena, per un evento fulmineo e fulminante. Indosserà un cappello da gallo di straordinaria fattura. L’evento, insieme poetico e teatrale, avrà uno scopo propiziatorio anche in relazione alle sventure che hanno recentemente colpito la maternità lattea della Nazione Italiana. Scabia proporrà un sintetico programma di azione futura, adatto sia ai cavalli sia ai galli (trotto, galoppo, nitrito, chicchirichì), allo scopo di migliorare le condizioni psichiche del Paese, negli ultimi tempi amaramente intristite. Poesia di Base, Teatro equino, Canto del gallo, Racconto del desiderio si svolgeranno in libertà di azione, nell’ora che trascolora, fra le 19 e le 19,30, non oltre.
Giuliano Scabia (Padova), insegna al DAMS di Bologna e da alcuni anni vive a Firenze. Poeta, drammaturgo e romanziere è stato uno degli iniziatori del Nuovo Teatro, insieme a Quartucci e Luzzati. Sempre partendo dalla scrittura ha creato eventi memorabili come Marco Cavallo, Il Gorilla Quadrumano, Il Diavolo e il suo Angelo, Attraversamento della Foresta Benedetta, Camminata notturna da Santangelo al mare. Ha pubblicato recentemente (2003) per Einaudi Opera della notte, un libro di poesia, di creature notturne, di presenze paurose ed assurde, di bivio e di sogni.

GIUSEPPE CHIARI
Etcetera
mercoledì 24 marzo, dalle ore 18,00

Giuseppe Chiari, mercoledì 24 marzo alle ore 18, sarà a Base per una inedita serata-incontro, dal titolo ''Etcetera'', della quale l’autore, volutamente, non fornisce alcuna traccia: il pubblico è invitato a partecipare. Una chiaccherata, una performance, un evento che si farà da se con questi ingredienti: l’artista, il pubblico e lo spazio di Base.

Giuseppe Chiari (Firenze), fa studi di matematica e pianoforte. Appartiene dal 1962 al Gruppo Fluxus. Svolge un’attività di comunicazione molto varia: dai concerti alla fotografia, collages, film, libri. Sin dai primi anni ’60 procede attraverso il campo (delimitato, agli estremi opposti, dalla ripetizione codificatrice e dalla variabilità vitale) di ciò che, convenzionalmente, viene denominata ''arte'', mosso dall’urgenza di saggiare ipotesi (gesti ed eventi) di volta in volta diverse, imperfette e giustificate soltanto da sé stesse.Di queste tende ad esperire, più che una verifica, un’esemplificazione, portando a far coincidere i momenti dell’ideazione e della pratica (''art is easy'', ''viva'', etc.). ''La materia non è materia ma una folla di cose'', scriveva Chiari in ''Musica senza contrappunto'' (1969). Ha tenuto concerti e performances nei più importanti musei e gallerie private del mondo.

BASE / Progetti per l'arte è un'idea di artisti per altri artisti. BASE è un luogo unico per la pratica dell'arte in Italia, la cui attività iniziata nel 1998, viene curata da un collettivo di artisti che vivono e operano in Toscana e che si fanno promotori di presentare a Firenze alcuni aspetti, tra i più interessanti dell'arte del duemila. BASE è un dialogo sulla contemporaneità aperto ad un confonto internazionale. Fino adesso si sono tenute a BASE mostre di Sol Lewitt, Marco Bagnoli, Alfredo Pirri, Cesare Pietroiusti, Jan Vercruysse, Niele Toroni, Michael Galasso, Luca Pancrazzi, John Nixon & Marco Fusinato, Heimo Zobernig, Ingo Springenschmid, Paolo Masi & Pier Luigi Tazzi, Antonio Muntadas, Robert Barry, Luca Vitone, Gino De Dominicis, Liliana Moro, Claude Closky, Remo Salvadori, Pietro Sanguineti, Liam Gillick, Massimo Bartolini, Mario Airò, Eva Marisaldi, Rainer Ganahl, François Morellet, Bernhard Rüdiger, Nedko Solakov & Slava Nakovska, Olaf Nicolai, che hanno presentato progetti inediti pensati per lo spazio di BASE.

BASE / PROGETTI PER L'ARTE / VIA SAN NICCOLÃ’ 18R / 50123 FIRENZE

  Share
IN ARCHIVIO [57]
Franco Vaccari
dal 17/1/2014 al 20/3/2014

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede